La Sindone di Torino

Home
Martedý 23 Gennaio 2018
Advertisement
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Ulteriori informazioni
Avviso sui Video

A causa di un reclamo di violazione di Copyright della RAI Radio Televisione Italiana per i video che avevo pubblicato su Youtube su alcune trasmissioni riguardanti la Sindone di Torino, non sono più visualizzabili sul sito presi dal canale youtube mio.

 

Cerca nel portale con Google
I quaderni del MONITORE NAPOLETANO - La Sindone di Torino PDF Stampa E-mail

In occasione dell'Ostensione Televisiva della Sindone di Torino (non accadeva dal 23 novembre 1973), il Monitore Napoletano propronme questo volume riepilogativo degli studi e ricerche che hanno avuto come oggetto il Telo conservato a Torino.

La Sindone è stata definita da Papa Giovanni Paolo II provocazione dell'intelligenza, e forse, è considerabile a tutti gli effetti il Vangelo del XXI Secolo

Riportiamo di seguito il testo del messaggio che Papa Francesco farà prima dell'Ostensione


 

 

"Cari fratelli e sorelle,

mi pongo anch’io con voi davanti alla sacra Sindone, e ringrazio il Signore che ci offre, con gli strumenti di oggi, questa possibilità.

Anche se avviene in questa forma, il nostro non è un semplice osservare, ma è un venerare, è uno sguardo di preghiera. Direi di più: è un lasciarsi guardare. Questo Volto ha gli occhi chiusi, è il volto di un defunto, eppure misteriosamente ci guarda, e nel silenzio ci parla. Come è possibile? Come mai il popolo fedele, come voi, vuole fermarsi davanti a questa Icona di un Uomo flagellato e crocifisso? Perché l’Uomo della Sindone ci invita a contemplare Gesù di Nazaret. Questa immagine – impressa nel telo – parla al nostro cuore e ci spinge a salire il Monte del Calvario, a guardare al legno della Croce, a immergerci nel silenzio eloquente dell’amore.

Lasciamoci dunque raggiungere da questo sguardo, che non cerca i nostri occhi ma il nostro cuore. Ascoltiamo ciò che vuole dirci, nel silenzio, oltrepassando la stessa morte. Attraverso la sacra Sindone ci giunge la Parola unica ed ultima di Dio: l’Amore fatto uomo, incarnato nella nostra storia; l’Amore misericordioso di Dio che ha preso su di sé tutto il male del mondo per liberarci dal suo dominio. Questo Volto sfigurato assomiglia a tanti volti di uomini e donne feriti da una vita non rispettosa della loro dignità, da guerre e violenze che colpiscono i più deboli… Eppure il Volto della Sindone comunica una grande pace; questo Corpo torturato esprime una sovrana maestà. È come se lasciasse trasparire un’energia contenuta ma potente, è come se ci dicesse: abbi fiducia, non perdere la speranza; la forza dell’amore di Dio, la forza del Risorto vince tutto.

Per questo, contemplando l’Uomo della Sindone, faccio mia, in questo momento, la preghiera che san Francesco d’Assisi pronunciò davanti al Crocifisso:

Altissimo e glorioso Dio,

illumina le tenebre del cuore mio.

E dammi fede retta, speranza certa, carità perfetta,

senno e conoscimento, Signore,

che faccia il tuo santo e verace comandamento. Amen".

 
< Prec.   Pros. >

 

Image

News
Powered by

Logo dicecca.net

Presente in Siti Cattolici Italiani