Passa ai contenuti principali

Dati della Sindone

La Sindone è un lenzuolo funerario. Il morto dopo essere stato lavato ed unto con degli unguenti, veniva posto dentro il questo lenzuolo e veniva poi sepolto in un sepolcro.

La Sindone ha avuto la stessa funzione. La differenza è che, come si può vedere, il corpo che è stato chiuso nel Lino di Torino, è che il morto non è stato nè lavato nè unto con gli unguenti.

Di seguito sono riportati i dati quantitativi sia del telo Sindonico che dell'uomo che ha contenuto.






Datazione: 30 - 33 d.C., seguendo i Vangeli. Tra il 1200 e 1300, seguendo la datazione del Carbonio 14;

Lunghezza x larghezza: 4,36 m x 1,10 m (ma molto probabilmente doveva essere più lunga di almeno 18 centimetri);

Colpi ricevuti dall'uomo della Sindone: circa 120 per mezzo del flagrum, una frusta con due o tre lacci alle cui estremità vi erano o degli ossicini o dei pezzi di ferro per infliggere più dolore possibile;

Gruppo sanguigno: AB (tipologia del sangue trovato sulla sindone);

Causa della morte: Emopericardio.

Commenti

Post popolari in questo blog

Torino - Sindone - Rilevate tracce di monete bizantine sul Telo

Tracce di possibili monete bizantine sono state rilevate sulla Sindone. Il lavoro dei ricercatori dell'Università di Padova e statunitensi, pubblicato sul Journal of Cultural Heritage, e presentato alla Conferenza sulla Sindone in Canada, ipotizza la possibilità che, anche prima dell'anno 1000, varie monete auree bizantine col volto di Cristo siano state strofinate con la Sindone. L'ipotesi potrebbe essere quella di produrre reliquie per contatto . Lo studio di Giulio Fanti e Claudio Furlan ha individuato dell'Elettro, una rara e antica lega di oro e argento con tracce di rame. Secondo Fanti ciò contraddirebbe il risultato della radiodatazione al Carbonio-14, eseguita nel 1988, che ha datato la Sindone intorno al XIV secolo.  

Salerno - La Sindone di Salerno

  Molto meno famosa, di quella di Torino e in parte di quella di Napoli dei Teatini (a Napoli ne esiste un'altra, ma attualmente non né visibile né documentabile), la terza copia nota della Sindone si trova a Salerno in possesso dell'arcidiocesi. In questi giorni (24 Marzo al 24 Maggio 2015) c'è la possibilità di poterla osservare e di poter osservare anche le meraviglie del Museo Diocesano, pagando un semplice biglietto di 2€ per persona. A differenza di quella dei Teatini cui è stato possibile risalire con prove documentate alla storia della sua venuta a Napoli per quella di Salerno, come di molte altre copie, non è possibile, allo stato attuale, dare informazioni precise sulla sua provenienza e motivazione. Si sa solo che fa parte della esigua lista delle copie datate (data 1665) e che è copia dell'originale di conservato a Torino La Sindone, esposta nella Cappella Santa Caterina, dopo la giornata inaugurale, sarà visitabile tutti i giorni negl

Torino - La Polizia Scientifica ha estrapolato il volto di Gesù Bambino dalla Sindone

La Polizia Scientifica di Torino, partendo dall'immagine dell'impronta Sindonica, applicando il metodo degli identikit ha estrapolato le sembianze più realistiche possibili del volto dell'Uomo della Sindone, per poi poterne, in base ai dati biometrici trovati, poter ricavare il volto dell'Uomo della Sindone da giovane. Il risultato dell'indagine più affascinante di sempre, resa nota proprio quando è iniziata l'esposizione dell Sindone a Torino che richiamerà milioni di pellegrini. La Polizia di Stato da tempo ha intrapreso un rapporto di collaborazione con alcune Sovrintendenze dei Beni Culturali che ha pemesso di applicare la tecnologia di sostegno all’attività investigativa per l’individuazione o ricostruzione degli autori di alcune opere d’arte. Caccia agli artisti, insomma, invece che ai criminali. Identikit di sommi pittori invece che di pericolosi malviventi. Insomma un affascinante viaggio a ritroso nel tempo, per poter vedere,