Passa ai contenuti principali

La Sindone e la Fotografia

Di indubbio interesse e fascino, il telo Sindonico deve molta della sua notorietà e studio nel XX secolo alla Fotografia. Fu infatti l'Avv. Secondo Pia che nel 1898 diede "Volto e spessore" a quella immagine sbiadita e appena percettibile del Sacro Lino.

I questa sezione affronteremo un aspetto del Sacro Lino che è stato, ed è tutt'oggi, di fondamentale importanza nella ricerca della verità.


I Fotografi

Il primo fotografo, come detto fu Secondo Pia che ebbe quasi un infarto quando vide il negativo dell'immagine.

  
Avv. Secondo Pia
Primo Fotografo della Sindone (1898)


Narrano le cronache: "Prima dell'ostensione del 1898 fu concesso al fotografo dilettante Avv. Secondo Pia di poter fotografare il Sacro Lino. Le fotografie furono effettuate la sera del 28 maggio 1898 (poiché ci furono dei problemi tecnici la sera del 25 maggio). Per effettuare la prima fotografia fu usato un tempo di esposizione pari a 14 minuti, mentre nella seconda fu usato un tempo di esposizione pari a 20 minuti. Fatto ciò Secondo Pia tornò di corsa a casa per sviluppare le lastre. Una volta immerse le lastre nel bagno chimico di rivelzione dell'immagine, a poco a poco questa compariva. Quando comparve l'immagine le mani gli cominciarono a tremare e per poco non gli cadde dalle mani la lastra. Se quello era il volto del Signore, lui era il primo che poteva contemplarlo dopo 19 secoli!"

Naturalmente si deve pur considerare che la tecnologia dell'epoca rispetto a quella nostra attuale è paragonabile all'età della pietra.


Prima fotografia della Sindone


Dopo quella di Secondo Pia, il Fotografo ufficiale della Sindone fu Giuseppe Enrie, fotografo professionista, che ebbe il mandato dalla Real Casa Savoia di poter fotografare la Sindone dandone nuove e più dettagliate immagini. L'occasione di tale mandato fu l'Ostensione del 1931.

Comm. Giuseppe Enrie
Fotografo della Sindone nel 1931


Per poter ottenere dei risultati ottimali che rendessero la Sindone Più dettagliata Enrie utilizzò una pellicola Ortocromatica.

La pellicola Ortocromatica permette di non visualizzare il rosso (il cui corrispettivo nell'immagine in bianco e nero è il bianco [vedi box sotto]).


 



Ciò permise di avere delle immagini dettagliatissime e luminose del Sacro Lino, anche rispetto alle pellicole pancromatiche odierne che permettono la registrazione di tutti i colori.




Dopo gli eventi del 2° conflitto mondiale (durante il quale la Sindone fu trasferita in gran segreto nel Santuario di Montevergine, in provincia di Avellino), si fece una perlustrazione per valutarne le condizioni.

Fu incaricato Giovanni Battista Judica Cordiglia che nel 1969, fu incaricato di effettuare le prime fotografie a colori della Sindone


Foto della Sindone scattata da
Giovanni Battista Judica Cordiglia


Questa immagine mostra i colori tenui del sacro lino.

Spiccano le colate di sangue sul viso da questa immagine si notano le macchie si sangue sul volto.

 

La Sindone ed il computer

Con l'avvento dell'era dei computer e dell'analisi digitale delle immagini, anche la Sindone non è potuta esserne esente.

Le prime analisi all'elaboratore elettronico risalgono al 1974, quando si incoinciò a sondare la possibilità che l'immagine potesse rendere le fattezze tridimensionali dell'Uomo della Sindone.

La grande sorpresa che si ebbe al Politecnico di Torino fu quella di vedere una delle migliori analisi della Sindone dopo quelle che si ebbero dalla NASA facendo passare le immagini sindoniche all'analizzatore VP8 usato per i rilevamenti tridimensionali dei pianeti.


Analisi computerizzata elaborata da Giovanni Tamburelli
Politecnico di Torino


Dettaglio del volto

Analisi computerizzata elaborata da Giovanni Tamburelli
Politecnico di Torino


Da queste analisi ad oggi, si continua ad analizzare la reliquia per cercare le prove inconfutabili che in quel lenzuolo funerario vi fu davvero Cristo.

 




Commenti

Post popolari in questo blog

Torino - Sindone - Rilevate tracce di monete bizantine sul Telo

Tracce di possibili monete bizantine sono state rilevate sulla Sindone. Il lavoro dei ricercatori dell'Università di Padova e statunitensi, pubblicato sul Journal of Cultural Heritage, e presentato alla Conferenza sulla Sindone in Canada, ipotizza la possibilità che, anche prima dell'anno 1000, varie monete auree bizantine col volto di Cristo siano state strofinate con la Sindone. L'ipotesi potrebbe essere quella di produrre reliquie per contatto . Lo studio di Giulio Fanti e Claudio Furlan ha individuato dell'Elettro, una rara e antica lega di oro e argento con tracce di rame. Secondo Fanti ciò contraddirebbe il risultato della radiodatazione al Carbonio-14, eseguita nel 1988, che ha datato la Sindone intorno al XIV secolo.  

Bari - Confronto sulla Sindone di Torino organizzata dall'Università di Bari

  Scarica il PDF dell'intervento (English) Nella due giorni di confronto organizzata dall'Università e dal Politecnico di Bari in collaborazione con il Centro Internazionale di Sindonologia di Torino e con la sponsorship della Fondazione della Cassa di Risparmio della Puglia, si sono confrontati ai massimi livelli (vedi gli atti rilasciati, in inglese) esperti e ricercatori in ambiente multidisciplinare per fare il punto sugli studi che fin qui si sono raggiunti per dare una spiegazione scientifica all'immagine che si è formata sul Telo conservato nel duomo di Torino. La Sindone, è un telo che misura 4,36m di lunghezza per 1,10m di altezza, e la tradizione vuole che in quel telo vi sia stato avvolto il corpo di Cristo dopo la deposizione dalla Croce.   La Reliquia in possesso da parte dei Savoia dal 1453, è da oltre un secolo (dal 1898, anno della prima fotografia ufficiale) oggetto di studi, ricerche e dibattiti. La famosa prova principe, quel del R

Salerno - La Sindone di Salerno

  Molto meno famosa, di quella di Torino e in parte di quella di Napoli dei Teatini (a Napoli ne esiste un'altra, ma attualmente non né visibile né documentabile), la terza copia nota della Sindone si trova a Salerno in possesso dell'arcidiocesi. In questi giorni (24 Marzo al 24 Maggio 2015) c'è la possibilità di poterla osservare e di poter osservare anche le meraviglie del Museo Diocesano, pagando un semplice biglietto di 2€ per persona. A differenza di quella dei Teatini cui è stato possibile risalire con prove documentate alla storia della sua venuta a Napoli per quella di Salerno, come di molte altre copie, non è possibile, allo stato attuale, dare informazioni precise sulla sua provenienza e motivazione. Si sa solo che fa parte della esigua lista delle copie datate (data 1665) e che è copia dell'originale di conservato a Torino La Sindone, esposta nella Cappella Santa Caterina, dopo la giornata inaugurale, sarà visitabile tutti i giorni negl